campagnola

Home / Prodotto

Visualizzazione di tutti i 18 risultati

    large thumbnail
     85,00

    Una tenuta di tre ettari e mezzo, a Mizzole, nel cuore della Valpolicella, su terreni altamente vocati alla produzione vitivinicola di prestigio. I nostri vigneti si estendono a 200 metri di altitudine su di una collina ben ventilata ed esposta dove le uve possono raggiungere una perfetta ed integra maturazione.

    Qui nasce l’Amarone della Valpolicella Riserva “Tenuta di Missoj”, vino ricco ed avvolgente, che rimanda alle tipicità della zona, enfatizzandone le sue caratteristiche più tipiche. Un

    Amarone di classe ed eleganza che coniuga potenza, grande struttura, ottima longevità ma anche eccellente rotondità e corposità.

    Prodotto nell’annata 2013 in edizione limitata, 4150 bottiglie astucciate singolarmente e numerate.

     

    Etichetta
    large thumbnail
     32,00

    Tradizione del vino dal 1907 nella vallata di Marano di Valpolicella. Cinque generazioni conquistate dalla terra, dalla vigna e dalle uve.Un viaggio quello dell’azienda vinicola situata a Valgatara, piccola frazione collinare del comune di Marano e centro della Valpolicella Classica, che si estende ai territori del Lago di Garda e poi sempre più a est verso il Friuli Venezia Giulia.

    Il Gruppo Campagnola ha creato una grande azienda riservando una cura meticolosa alla produzione, all’invecchiamento e all’affinamento dei grandi vini, con una preziosa attenzione al miglioramento dei processi produttivi e alla qualità.

    Etichetta
    large thumbnail
     10,00

    Tradizione del vino dal 1907 nella vallata di Marano di Valpolicella. Cinque generazioni conquistate dalla terra, dalla vigna e dalle uve.Un viaggio quello dell’azienda vinicola situata a Valgatara, piccola frazione collinare del comune di Marano e centro della Valpolicella Classica, che si estende ai territori del Lago di Garda e poi sempre più a est verso il Friuli Venezia Giulia.

    Il Gruppo Campagnola ha creato una grande azienda riservando una cura meticolosa alla produzione, all’invecchiamento e all’affinamento dei grandi vini, con una preziosa attenzione al miglioramento dei processi produttivi e alla qualità

    Etichetta
    large thumbnail
     10,00

    Tradizione del vino dal 1907 nella vallata di Marano di Valpolicella. Cinque generazioni conquistate dalla terra, dalla vigna e dalle uve.Un viaggio quello dell’azienda vinicola situata a Valgatara, piccola frazione collinare del comune di Marano e centro della Valpolicella Classica, che si estende ai territori del Lago di Garda e poi sempre più a est verso il Friuli Venezia Giulia.

    Il Gruppo Campagnola ha creato una grande azienda riservando una cura meticolosa alla produzione, all’invecchiamento e all’affinamento dei grandi vini, con una preziosa attenzione al miglioramento dei processi produttivi e alla qualità.

    Etichetta
    large thumbnail
     10,00

    Tradizione del vino dal 1907 nella vallata di Marano di Valpolicella. Cinque generazioni conquistate dalla terra, dalla vigna e dalle uve.Un viaggio quello dell’azienda vinicola situata a Valgatara, piccola frazione collinare del comune di Marano e centro della Valpolicella Classica, che si estende ai territori del Lago di Garda e poi sempre più a est verso il Friuli Venezia Giulia.

    Il Gruppo Campagnola ha creato una grande azienda riservando una cura meticolosa alla produzione, all’invecchiamento e all’affinamento dei grandi vini, con una preziosa attenzione al miglioramento dei processi produttivi e alla qualità.

    Etichetta
    large thumbnail
     10,00

    Tradizione del vino dal 1907 nella vallata di Marano di Valpolicella. Cinque generazioni conquistate dalla terra, dalla vigna e dalle uve.Un viaggio quello dell’azienda vinicola situata a Valgatara, piccola frazione collinare del comune di Marano e centro della Valpolicella Classica, che si estende ai territori del Lago di Garda e poi sempre più a est verso il Friuli Venezia Giulia.

    Il Gruppo Campagnola ha creato una grande azienda riservando una cura meticolosa alla produzione, all’invecchiamento e all’affinamento dei grandi vini, con una preziosa attenzione al miglioramento dei processi produttivi e alla qualità.

    Etichetta
    large thumbnail
     10,00

    Tradizione del vino dal 1907 nella vallata di Marano di Valpolicella. Cinque generazioni conquistate dalla terra, dalla vigna e dalle uve.Un viaggio quello dell’azienda vinicola situata a Valgatara, piccola frazione collinare del comune di Marano e centro della Valpolicella Classica, che si estende ai territori del Lago di Garda e poi sempre più a est verso il Friuli Venezia Giulia.

    Il Gruppo Campagnola ha creato una grande azienda riservando una cura meticolosa alla produzione, all’invecchiamento e all’affinamento dei grandi vini, con una preziosa attenzione al miglioramento dei processi produttivi e alla qualità.

    Etichetta
    large thumbnail
     25,00

    L’origine del recioto.
    Intorno al 1500 -1600 i bevitori di vino prediligevano soprattutto i vini sciropposi ed amavano bere “dolce”. Solo nella Repubblica di Venezia si amava il vino secco (allora definito “amaro”) e non dolce. 
    Come mai proprio nella Repubblica di Venezia, che non amava particolarmente i vini dolci, si è sviluppata la tecnica dell’appassimento delle uve che ci ha donato il meraviglioso vino dolce Recioto e la sua versione secca Amarone?
    Facciamo un passo indietro.
    Nel XVI Sec. la borghesia commerciante ed agricola ed i ceti popolari (tanto in Italia che nel Nord Europa) preferivano il vino locale di discreta qualità e di basso prezzo, l’aristocrazia preferiva invece i vini greci dolci diffusi dalla moda. 
    I veneziani erano stati per secoli i principali venditori dei preziosi vini dolci “greci”, prodotti nelle loro colonie delle isole del Mediterraneo e della Dalmazia mediante la vinificazione di uve appassite al sole del Sud. 
    Con la progressiva avanzata dell’Impero Ottomano, la Repubblica Veneta perse molte delle sua Colonie del Sud Mediterraneo. Non calò però la domanda di vini dolci e con forte gradazione alcolica, in grado di essere trasportati per lunghi viaggi senza deperire. Per questo i veneziani si industriarono per produrli nella madrepatria e continuare a venderli in tutta Europa. Vennero così incoraggiati gli impianti di nuovi vigneti in Veneto, e la tecnica dell’appassimento dell’uva fu applicata con successo anche alle uve locali. Nacquero allora i “recioto”, vini dolci sia bianchi che rossi ottenuti dalla vinificazione delle “recie”, le ali dei grappoli, che vantavano una maggiore concentrazione di zuccheri. Ancora oggi il Recioto della Valpolicella, il Torcolato, il Recioto di Gambellara e di Soave vengono prodotti con questa tecnica: appassendo le uve su graticci di vimini ed interrompendo la fermentazione con la svinatura in modo che rimangano dolci. 
    Gli antichi ed abili veneziani, quando non furono più in grado di importare i vini dolci dalla Grecia, ne studiarono le tecniche ed iniziarono a produrli sul proprio territorio con ottimi risultati.
    Questa tecnica è stata tramandata fino ai nostri giorni e ci ha donato il Recioto e l’Amarone che è un recioto completamente fermentato. E’ uno dei più importanti vini rossi italiani, alcolico, fruttato in gioventù, che si fa austero con l’invecchiamento acquistando un’incredibile eleganza.

     

     

     

     

     

     

     

     

    Etichetta
    large thumbnail
     9,50

    Regione
    Valpolicella, Verona, Veneto.

    Uve
    Corvina Veronese. Selezione manuale dei grappoli in Settembre/Ottobre.

    Vinificazione
    Pigiatura e diraspatura delle uve. Fermentazione a temperatura controllata e macerazione per 10 giorni.

    Affinamento
    Maturazione in serbatoi di acciaio inox e breve affinamento in bottiglia.

    Note gustative
    Rosso rubino intenso. Al naso si evidenzia un bouquet che ricorda la ciliegia e la marasca, con sentore di piccoli frutti e di speziato. Gusto vellutato, morbido, di gran corpo, persistente. Il retrogusto chiude leggermente in amaro tipico dei vini della Volpolicella. Vino ricco e superbo, vede esaltare le peculiarità della Corvina.

    Gastronomia
    Ideale con piatti a base di pasta, pollo, agnello, carni rosse, selvaggina e formaggi. Si consiglia di servire ad una temperatura di 16 – 17 ° C.

    Etichetta
    large thumbnail
     13,00

    Vino bianco secco. Colore giallo paglierino con riflessi verdognoli, assume tonalità più marcate con l’affinamento. Profumo nitido, intenso e delicato con note di uva matura e frutta a polpa bianca. Sapore asciutto, armonico, appagente e con caratteristico retrogusto di mandorla

    Tipo: vino bianco fermo
    Uve:
     70% Garganega, 30% Trebbiano di Soave
    Produttore: Campagnola
    Contenuto: 75,0 cl
    Denominazione: Soave DOC
    Regione: 
    Veneto
    Zona di produzione: 
    Provincia di Verona. Le uve provengono da una delle più vocate zone del Soave Classico, poste in zona collinare nel Cru di “Monte Foscarino” 
    Gradazione alcolica: 13% vol.
    Acidità Totale: 5,7 g/l
    Residuo Zuccherino: 
    4,5 g/l
    Temperatura di Servizio: 
    8-10° C
    Abbinamenti: 
    Ideale come aperitivo, con stuzzichini, antipasti, pasta e piatti a base di pesce. Ottimo con verdure in pinzimonio
    Vendemmia: Raccolta e selezione manuale delle uva a Settembre
    Vinificazione: Dopo la pigiatura si effettua una breve macerazione a freddo per estrarre dolcemente gli aromi varietali tipici della Garganega. La fermentazione avviene dopo la decantazione del mosto a temperatura di 15/16°C. in Inox e breve affinamento in bottiglia.

    Etichetta
    Browse Wishlist
    large thumbnail
     12,00

    Il Valpolicella Classico “Le Bine” della Cantina Giuseppe Campagnola è un vino rosso veneto morbido e fruttato dal colore rubino intenso. Bouquet distinto, delicato e speziato, con sentore di prugne e frutti del sottobosco. Sapore pieno, vellutato, morbido, persistente di grande corpo con sentore finale di ciliegia e prugna. Lungo il finale. Matura in botti di Rovere di Slavonia per 10 mesi

    Tipo: vino rosso fermo
    Uve:
     70% Corvina Veronese e Corvinone Veronese, 30% Rondinella
    Produttore: Giuseppe Campagnola
    Contenuto: 75,0 cl
    Denominazione: Valpolicella DOC
    Regione: 
    Veneto
    Zona di produzione: 
    Provincia di Verona, Valpolicella
    Altitudine: 250 metri sul livello del mare
    Caratteristiche del terreno: calcareo-eocenico
    Gradazione alcolica:
     13% vol.
    Acidità Totale: 5,7 g/l
    Residuo Zuccherino: 
    6,5 g/l
    Temperatura di Servizio: 
    16-17° C
    Abbinamenti: 
    ideale con piatti di pasta, pollo e formaggi
    Vendemmia: Raccolta e selezione manuale delle uva a fine Settembre
    Vinificazione: Pigiatura dell’uva appena raccolta con macerazione per 10 giorni circa, fermentazione e successiva svinatura. Al vino Valpolicella così ottenuto viene aggiunto in novembre il 15% di mosto d’uva precedentemente appassita per 60 giorni in fruttaio (destinata alla produzione di Amarone). Seconda fermentazione lenta alla quale segue una macerazione per circa 20/25 giorni, che conferisce al vino profumi particolari di confettura.
    Affinamento: Maturazione in botti di rovere di Slavonia da 50hl per 10 mesi. Ulteriore evoluzione in bottiglia per 3 mesi

    Etichetta
    large thumbnail
     16,00

    ll Ripasso della Cantina Giuseppe Campagnola è un vino rosso veneto morbido e strutturato dal colore rubino intenso prodotto con le uve autoctone Corvina Veronese e Rondinella. Il profumo è delicato, etereo, speziato, con ricordi di confettura e di prugna. Sapore asciutto, armonico, morbido con richiami di ciliegia e tipico retrogusto ammandorlato. Matura in botti di Rovere di Slavonia per 12 mesi

    Tipo: vino rosso fermo 
    Uve:
     80% Corvina Veronese e Corvinone Veronese, 20% Rondinella
    Produttore: Giuseppe Campagnola
    Contenuto: 75,0 cl
    Denominazione: Valpolicella DOC
    Regione: 
    Veneto
    Zona di produzione: 
    Provincia di Verona, Valpolicella
    Altitudine: 200 – 350 metri sul livello del mare
    Caratteristiche del terreno: calcareo-eocenico
    Gradazione alcolica:
     13,5% vol.
    Acidità Totale: 5,7 g/l
    Residuo Zuccherino: 
    6,5 g/l
    Temperatura di Servizio: 
    16-17° C
    Abbinamenti: 
    ottimo in abbinamento a piatti di pasta, salumi e formaggi. Particolarmente indicato per accompagnare risotti autunnali e pasta e fagioli
    Vendemmia: Raccolta e selezione manuale delle uve a fine Settembre
    Vinificazione: Valpolicella Classico Superiore prodotto con la tradizionale tecnica del “Ripasso”.
    Fermentazione e macerazione dell’uva fresca in Ottobre per 10 giorni circa. Svinatura. Il vino rimane fino a Gennaio/Febbraio in vasche di cemento o acciaio. Successivamente viene fatto rifermentare sulle vinacce dell’amarone appena svinato, per acquisire più corpo e complessità.
    Maturazione in botti di rovere di Slavonia da 50hl per 12 mesi. Ulteriore evoluzione in bottiglia per 4 mesi

    Etichetta
    large thumbnail
     30,00

    Vigneti Vallata di Marano Amarone DOCG Classico Giuseppe Campagnola è la perfetta espressione di uno dei vini italiani più conosciuti al mondo. Nato per caso, o per meglio dire, una dimenticanza, l’Amarone è diventato il prodotto vitivinicolo Veneto identificato con la terra in cui nasce: la Valpolicella. I vigneti dell’azienda si trovano nella vallata del Marano, proprio nel cuore del comprensorio vitivinicolo. L’azienda fu fondata più di un secolo fà e quindi ha molta esperienza nell’allevamento delle varietà autoctone con le quali viene prodotto l’Amarone. Corvina, Corvinone e Rondinella sono i vitigni base da cui si ottiene questo vino rosso, intenso e profondo. La vinificazione viene condotta con cura per il dettaglio che frutterà come risultato finale un vino strutturato, rosso e corposo. Il lavoro di vigna e cantina si svolge secondo i dettami antichi che sono ormai diventati la filosofia aziendale. L’innovazione introdotta intorno qualche decennio fa ha riguardato l’introduzione di tecnologie moderne in grado di tutelare le caratteristiche organolettiche delle uve di partenza. Profumi, sentori e pigmenti sono le componenti essenziali per ottenere un vino dalle spiccate caratteristiche organolettiche. Ai fruttai viene riservato il posto d’onore di far appassire le uve raccolte intorno alla fine di settembre, in funzione dell’annata. La pigiatura si effettua verso gennaio per poi introdurre il vino in botti grandi di Slavonia e barrique di Allier. Il tempo è la componente più importante. Il riposo in legno trasmetterà sentori terziari vanigliati, tostati e speziati che andranno a corredare quelli fruttati primari. Il vino setoso, vellutato ed elegante è una morbida seta che scivolerà al palato evocando calde e intense sensazioni gusto-olfattive. La sua degustazione può essere in abbinamento a carni rosse, selvaggina e piatti robusti oppure può essere sorseggiato davanti al caminetto in momenti di meditazione.

    Etichetta
X